Prestiti per Ditte Individuali

Stai pensando di avviare un’attività imprenditoriale in proprio o di sostenere e migliorare quella che già hai avviato e vorresti sapere se ci sono dei finanziamenti pensati apposta per questi obiettivi? La risposta è si, e si tratta dei prestiti per ditte individuali.

Di seguito ti daremo tutte le informazioni più importanti da sapere in merito a questa particolare categoria di prestiti, a partire da chi li eroga fino a quali requisiti dovrai mostrare di avere per ottenerne uno in tutta tranquillità. Continua a leggere se sei davvero interessato!




Cosa si intende per ditta individuale?

Innanzitutto è bene precisare quale sia il significato di ditta individuale.

Con questo termine viene solitamente indicata un’impresa o un’azienda in cui il titolare è l’unico responsabile giuridico della società creata, all’interno della quale possono trovare lavoro anche altre persone come dipendenti o essere il proprietario l’unico lavoratore presente.

Ciò significa che, per poter ottenere prestiti per ditte individuali, dovrai obbligatoriamente essere possessore di partita iva e risultare regolarmente iscritto al Registro delle Imprese da almeno un anno.




Prestiti ditte individuali: quali opzioni ci sono?

La scelta migliore e più consigliata per chi si trova nella tua situazione è quella di ricorrere ad un finanziamento agevolato e ad un prestito conveniente come potrebbero essere i finanziamenti a fondo perduto per ditte individuali.

Questi finanziamenti a fondo perduto vengono erogati grazie a progetti portati avanti dall’Unione Europea o dalle Regioni e hanno l’obiettivo ultimo di favorire lo sviluppo economico agevolando la creazione di nuove ditte individuali.

Ma cosa significa precisamente “a fondo perduto”? Significa che una parte dell’importo che ti verrà erogata non dovrà essere rimborsata e che la restante parte sarà ripagata a tasso zero o con tassi decisamente più convenienti di quanto avverrebbe con altri tipi di prestito.

Prestito per ditte individuali Invitalia

In Italia l’associazione che si occupa di concedere i finanziamenti a fondo perduto è Invitalia, che si pone come obiettivo quello di facilitare l’avvio delle nuove imprese soprattutto nelle zone in cui c’è un alto tasso di disoccupazione e soggette a forti ondate migratorie verso zone più promettenti.

Invitalia aiuta soprattutto le aziende che vengono avviate da giovani con un’età inferiore ai 35 anni e da donne.

Per ottenere questo tipo di finanziamenti per ditte individuali non sono richieste garanzie di tipo economico o reddituale, l’importante è solo dimostrare di avere un business plan ben strutturato attraverso il quale spiegare il settore in cui vuoi avviare la tua azienda, le possibilità di crescita e di successo che hai davanti, come hai intenzione di utilizzare il budget eventualmente ottenuto e le tue abilità e competenze professionali.

Potrebbe interessarti leggere anche: “Prestiti aziendali

Requisiti necessari prestito Invitalia

Sul sito di Invitalia puoi trovare tutti i bandi che sono attualmente indetti con i requisiti che la ditta deve soddisfare per potervi partecipare e i documenti che devono essere inviati online.

Nel momento in cui tutti i requisiti fossero soddisfatti, avrai la possibilità di fare un colloquio durante il quale dovrai spiegare il tuo business plan e dimostrare che hai le competenze e le idee giuste per ottenere l’importo.

Ma quali sono di fatto questi requisiti?

  • avere più di 18 anni
  • essere disoccupati
  • avere la residenza in Italia
  • che la ditta abbia sede legale e operativa in Italia
Prestiti per ditte individuali

Potrebbe interessarti leggere anche: “Prestito liberi professionisti” / “Prestito per lavoratori autonomi

Finanziamenti ditte individuali tramite prestiti personali

Oltre ai finanziamenti a fondo perduto di cui abbiamo parlato in precedenza, un altro modo per ottenere prestiti a ditte individuali è quello di ricorrere ai tradizionali prestiti personali.

Anche l’erogazione di questi prestiti si basa sulle tue reali competenze e sul business plan che proponi all’istituto di credito, che, lo ricordiamo, dovrà essere preventivamente messo a conoscenza delle spese a cui andrai incontro per avviare la tua impresa e di una stima quanto più definita dei guadagni che potresti ricavare.

In questo modo, essendo progetti basati su un vero studio di fattibilità, banche e finanziarie tenderanno a concederti più in tranquillità l’importo che ti serve.

Tra gli istituti che offrono questo genere di prestiti ti segnaliamo:

  1. Poste Italiane con i prodotti “Fido affari”, “Prontissimo affari” e “Impresa 50”
  2. Unicredit con il suo “Linea imprendo”
  3. BNL che propone il prestito “Revolution imprese”

Prestiti ditte individuali cattivi pagatori

Se hai ricevuto una segnalazione al CRIF come protestato o cattivo pagatore perché in passato non hai rimborsato per tempo un prestito che avevi chiesto, sarà un po’ più complicato poter ottenere prestiti per ditte individuali.

Ma difficile non significa impossibile. Se offri delle garanzie come la figura di un garante o un’ipoteca su un immobile di proprietà non avrai problemi ad ottenerlo, l’importante è che il garante abbia un reddito fisso e una posizione creditizia affidabile.

A tal proposito leggi: “Prestito con garanzia” / “Prestiti a protestati e cattivi pagatori

In alternativa potrai usufruire dei prestiti cambializzati.

Spese ammesse e requisiti necessari dei prestiti per ditte individuali

Infine, vogliamo specificare che non ci sono limiti nella scelta del settore in cui dovrà operare la tua ditta.

Le spese che potrai fare usufruendo di un finanziamento per ditte individuali sono:

  • acquisto di attrezzature, macchinari e impianti utili
  • acquisto di beni immateriali
  • ristrutturazione di immobili
  • costi legati al canone di locazione e alle utenze
  • acquisto di brevetti e software

Infatti uno dei requisiti più importanti che va assolutamente rispettato è che i soldi ottenuti siano utilizzati solo ed esclusivamente per spese legate all’azienda stessa.