Prestito Ristrutturazione Casa

Sei in cerca di un prestito grazie al quale affrontare le spese per ristrutturare il tuo immobile che è un po’ vecchio e danneggiato e necessita di essere riammodernato? La soluzione migliore e più adatta a te è quella di richiedere un prestito ristrutturazione casa.

Si tratta di una delle tipologie di finanziamento ad oggi più richieste in Italia perché, se viene utilizzato anche per migliorare da un punto di vista energetico la propria abitazione, permette di detrarre a livello fiscale molte delle spese sostenute per i lavori. Vediamo allora di capire nei dettagli come funziona e quali sono i documenti e i requisiti necessari per ottenerne uno!




Prestito ristrutturazione prima casa

Il prestito per ristrutturazione casa viene concesso per realizzare interventi sia a livello estetico che a livello funzionale negli ambienti interni e/o esterni della propria casa.

Le ristrutturazioni che si possono fare riguardano interventi piuttosto contenuti o elementi portanti e primari della casa un po’ più impegnativi fino ad arrivare a modifiche sostanziali all’immobile e ai suoi ambienti circostanti.

Richiedendo un prestito per ristrutturazione prima casa, di solito concesso con tempistiche abbastanza veloci e pratiche piuttosto snelle, ottieni una somma di denaro che dovrai poi ripagare attraverso rate mensili di rimborso che comprendono sia una parte di quota capitale che una parte di quota interessi maturati nel corso del piano di ammortamento.




A tal proposito leggi: “Prestiti veloci

Pro e contro del prestito ristrutturazione casa

Il prestito per ristrutturare casa ha alcuni vantaggi molto convenienti rispetto alla richiesta di un mutuo in quanto non prevede alcuna spesa di tipo notarile, cosa che fa sì che il costo totale del finanziamento resti molto più basso, né relativa all’ipoteca sull’immobile.

Questo è un punto in realtà contrastante in quanto, non avendo alcuna garanzia reale al finanziamento, gli istituti di credito tendono ad applicare tassi di interesse più elevati per i prestiti di ristrutturazione di quanto avviene per i mutui e per gli altri prestiti non finalizzati.

Ma non si tratta dell’unico svantaggio dei prestiti ristrutturazione casa, in quanto essi, rispetto ai mutui, ti permettono di ottenere un importo più basso pari al massimo a 60.000 euro.

Potrebbe interessarti leggere: “Prestiti convenienti

Prestito ristrutturazione casa

Potrebbe interessarti leggere anche: “Prestito casa” / “Prestiti Poste Italiane” / “Prestiti Mediolanum” / “Finanziamenti condomini

Come fare richiesta di finanziamento ristrutturazione casa?

Per poter avanzare la tua domanda di finanziamento per ristrutturazione casa, devi per prima cosa rivolgerti al comune in cui sorge la tua abitazione e consegnare la dichiarazione di inizio lavori (DIA) firmata da un tecnico autorizzato a farlo.

Una volta fatto ciò, puoi rivolgerti alla banca o alla finanziaria che desideri, mostrando i seguenti documenti:

  • documento d’identità
  • codice fiscale
  • documento che attesti la presenza di un reddito fisso
  • alcuni documenti riguardanti l’immobile e i lavori che desideri svolgere

Per quanto riguarda quest’ultimo punto, dobbiamo precisare che i documenti da mostrare variano in base alla consistenza delle modifiche che si vogliono apportare alla casa:

  • per i lavori di piccola entità considerati di ordinaria manutenzione è sufficiente avere un preventivo di spesa dell’impresa che si occupa delle modifiche
  • per i lavori un po’ più consistenti di manutenzione straordinaria ti servono il preventivo di spesa e il progetto edilizio
  • per i lavori più impegnativi di ristrutturazione delle grandi opere, invece, sono richiesti il preventivo di spesa, il permesso del comune e il contributo di costruzione

Finanziamento per ristrutturazione prima casa: i requisiti necessari

Tra i requisiti che vengono sempre richiesti dagli istituti di credito per poter erogare un finanziamento ristrutturazione prima casa troviamo:

  • età compresa tra i 18 e i 75 anni
  • cittadinanza italiana o permesso di soggiorno
  • reddito fisso dimostrabile
  • conto corrente su cui vengano addebitate le rate di rimborso e accreditato l’importo richiesto