Finanziamenti Condomini

Nel condominio in cui abiti o che amministri hanno deciso di avviare dei lavori di ristrutturazione e desideri ottenere un aiuto economico per affrontare la spesa? La soluzione migliore potrebbe essere quella di usufruire dei finanziamenti condomini che alcune banche mettono a disposizione dei clienti.

Se pensi che questa opzione potrebbe davvero interessarti, continua a leggere l’approfondimento per avere tutte le informazioni utili su come richiederli e a quali istituti di credito rivolgerti per ottenerli.




Cosa sono i finanziamenti condominiali?

Si tratta di un prestito condominiale che può essere erogato sia agli amministratori che ai singoli condomini per ristrutturare le parti comuni del palazzo in cui abiti, per fare degli interventi volti a riqualificare l’immobile al fine di ridurre i costi di gestione e farne aumentare il valore sul mercato o ancora per mettere in sicurezza alcune parti di esso.

Il finanziamento condominiale è un prestito chirografario, il che significa che non avrai bisogno di avanzare nessuna garanzia reale o personale per poterlo ottenere. Questo aspetto è uno dei principali vantaggi di questo prodotto finanziario.

Per saperne di più leggi: “Prestiti senza garanzie




Se sei interessato all’efficientamento energetico, leggi anche: “Finanziamento fotovoltaico

Prestiti condominiali: caratteristiche principali

L’importo massimo richiedibile dipende dall’istituto di credito al quale hai intenzione di rivolgerti e alla consistenza dei lavori da fare.

I tassi di interesse previsti possono essere sia a tasso fisso sia a tasso variabile, in base alle preferenze del richiedente.

Il pagamento delle rate di rimborso sarà a carico dell’intero condominio anche se a prendere direttamente i contatti con la banca sarà esclusivamente l’amministratore, il quale sarà il primo responsabile in caso di eventuale ritardo nel pagamento. Bisogna specificare, però, che, nel caso in cui siano i condomini a non pagare l’amministratore, essi diventeranno i diretti responsabili del mancato rimborso.

Finanziamenti condomini

Potrebbe interessarti leggere anche: “Prestito casa” / “Prestito ristrutturazione casa

Come si fa richiesta di un finanziamento condominiale?

Per poter richiedere un finanziamento al condominio è necessario che almeno la maggioranza dell’assemblea condominiale approvi la domanda di prestito. In alcuni casi, a seconda delle richieste della banca, non è neanche sufficiente che ci sia la maggioranza ma bisogna che l’intera assemblea sia d’accordo all’unanimità.

Una volta ricevuta la domanda, l’istituto di credito è tenuto a valutare in che condizioni si trova lo stabile e ad analizzare gli ultimi due bilanci per verificare se ci sono dei condomini che hanno ricevuto un decreto ingiuntivo. Ma non preoccuparti, anche se dall’analisi dovesse risultare che effettivamente ce ne sono, è possibile ottenere lo stesso i prestiti condominiali.

L’amministratore è obbligato ad aprire un fondo di garanzia e, solo dopo aver raccolto tutti i soldi, potranno partire i lavori.

A chi richiedere i finanziamenti al condominio?

Sono numerose le banche che erogano prestiti condominiali per ristrutturazione. Tra le migliori offerte in circolazione ti consigliamo:

  • Intesa San Paolo, che offre finanziamenti a partire da 10.000 fino a 1.000.000 euro fino a coprire l’80% del costo totale dei lavori e da rimborsare nel giro di 24-120 mesi.
  • Creval Restyle, che eroga prestiti del valore di 20.000 fino a 50.000 euro in grado di coprire fino al 100% della spesa prevista.
  • WeUnit, con il quale si possono ottenere fino a 2.000.000 euro in massimo 120 mesi.
  • YouGo di Banca Reale, rimborsabile in massimo 72 mesi, che copre il 100% dei lavori da fare.
  • BNL Green Condominio, che consente di svolgere lavori finalizzati solo all’efficientamento energetico, da rimborsare in massimo 60 mesi ed erogabile solo a condomini che comprendono almeno 80 condomini.
  • UBI Banca, alla quale è possibile richiedere tra i 10.000 e i 40.000 euro per coprire interventi fino al 100%.