Prestito Senza Conto Corrente

Probabilmente hai sempre sentito dire che la presenza del conto corrente è un elemento imprescindibile per poter richiedere un finanziamento e, in effetti, era proprio così fino a qualche anno fa. Oggi, però, c’è la possibilità di ottenere un prestito senza conto corrente.

Continua a leggere l’approfondimento per capire come funziona e quali opzioni hai a disposizione sia nel caso in cui tu non abbia proprio intenzione di aprire un conto corrente sia nel caso in cui tu ne abbia già uno e semplicemente non hai voglia di spostarlo presso il nuovo ente creditore.




Si possono ottenere prestiti senza conto corrente?

Come dicevamo, fino al 2012 era impensabile cercare di ottenere un prestito senza avere un conto corrente intestato presso la banca alla quale ci si rivolgeva per il finanziamento. Questo, infatti, era l’unico modo possibile per vedersi accreditato il capitale ottenuto in modo facile e veloce.

A partire dal 2012 in poi, è stato deciso che fosse possibile concedere il prestito anche a chi non avesse un conto corrente nell’istituto di credito prescelto. Questo passo fu importantissimo per permettere ai clienti di decidere liberamente le condizioni di finanziamento più vantaggiose e adatte alla propria situazione economica.

Tuttavia bisogna precisare che avere un finanziamento senza conto corrente può essere un po’ più difficoltoso. Perché? Semplicemente perché le banche continuano tutt’oggi a lasciare una corsia preferenziale ai propri correntisti o a chi è disposto ad aprire un nuovo conto, garantendo loro condizioni più convenienti.




A tal proposito leggi: “Prestiti convenienti” / “Miglior prestito personale

Prestito senza conto corrente

Potrebbe interessarti leggere anche: “Carte di credito senza conto corrente” / “Conto corrente per protestati” / “Conto corrente zero spese

Prestiti personali senza conto corrente

Cosa fare, dunque, se la banca alla quale hai pensato di rivolgerti non accetta di concederti il prestito perché non sei correntista e non sei disposto ad aprire il conto da loro?

Hai a disposizione un po’ di valide opzioni:

Prestito in finanziaria

Per prima cosa puoi rivolgerti ad una finanziaria. Queste, infatti, non offrendo il servizio di apertura conto corrente, non sono interessate a proporti questo servizio.

L’unica cosa davvero importante per le finanziarie è che tu abbia a disposizione un IBAN sul quale accreditarti la somma richiesta in caso di valutazione positiva, poco interessa dove questo IBAN si appoggi.

Prestito finalizzato

Un’altra opzione interessante è quella di richiedere un prestito finalizzato, grazie al quale puoi fare un acquisto specifico, come un’auto, la casa o un elettrodomestico sia presso una banca o una finanziaria sia direttamente presso il rivenditore stesso.

Tali prestiti finalizzati, infatti, non prevedono l’erogazione dell’importo richiesto, il quale viene subito usato per pagare l’acquisto da fare, e possono essere rimborsati tramite il pagamento di bollettini postali.

Questa è la soluzione migliore se non risulti intestatario di alcun conto corrente, ma non è adatta a te se hai bisogno di liquidità per affrontare una spesa qualsiasi senza dover dare giustificazioni a riguardo.

Leggi anche: “Prestito auto” / “Prestito casa

Prestito tramite carta prepagata ricaricabile

Infine, un’altra alternativa è quella di richiedere una carta prepagata ricaricabile, che, essendo dotata di IBAN, ti permette di farti accreditare il denaro richiesto. In questo caso i tassi di interesse saranno un po’ più elevati e gli importi massimi richiedibili più bassi.

Tra le migliori carte prepagate e ricaricabili ti segnaliamo:

  1. PostePay di Poste Italiane, grazie alla quale potrai richiedere prestiti postali senza conto corrente
  2. Carta Findomestic Pay
  3. Genius Card di Unicredit

Per approfondire leggi: “Prestiti PostePay Evolution senza busta paga” / “Prestiti Poste Italiane” / “Prestiti Findomestic” / “Prestiti Unicredit

Prestito senza conto corrente: accredito in contanti

Per quanto riguarda l’accredito in contanti dell’importo richiesto tramite finanziamento, questo può essere effettuato solo se hai richiesto meno di 1.000 euro.

La legislazione anti-riciclaggio, infatti, per prevenire un uso inappropriato del denaro, impone che l’erogazione di importi superiori a tale cifra non sia effettuabile in contanti.