Prestito con Contratto Determinato

Per tutti coloro che desiderano richiedere un finanziamento è fondamentale dare come garanzia alla banca o alla finanziaria alla quale ci si rivolge la certezza di un posto di lavoro fisso e continuato nel tempo. Ma allora cosa possono fare le persone che hanno bisogno di liquidità ma non hanno un lavoro a tempo indeterminato?

In questi casi, una delle migliori soluzioni è quella di richiedere un prestito con contratto determinato. Vediamo insieme come fare per ottenerlo e di cosa hanno bisogno gli istituti di credito prima di concederlo.




Come ottenere i prestiti con contratto determinato?

Se ti stai chiedendo come ottenere prestiti con contratti a tempo determinato, va precisato che non è semplicissimo riuscire a vedersi approvata la richiesta di prestito senza reddito dimostrabile quando non si ha un lavoro fisso e non c’è lo stipendio a garanzia di prestito. Bisogna anche ammettere, però, che con il passare del tempo banche e finanziarie sono diventate sempre più disponibili ad erogare finanziamenti tempo determinato con l’obiettivo di concedere liquidità a chi ne ha bisogno anche se non si è in possesso delle più tradizionali forme di garanzia.

A tal proposito leggi: “Prestito senza garanzie

Dunque, come puoi avere prestiti con contratto a tempo determinato? Avrai a disposizione due strade, una che non richiede la presenza della figura di un garante e una per la quale, invece, è necessaria.




Prestito con contratto a tempo determinato senza garante

In questo caso, per avere prestiti per dipendenti a tempo determinato, il massimo che potrai ottenere è un prestito con piano di ammortamento di lunghezza pari o inferiore alla durata residua del tuo contratto di lavoro. Dato che un contratto di lavoro a tempo determinato non può mai essere superiore a 24 mesi, di conseguenza anche il tuo piano di ammortamento deve necessariamente rimanere entro questo limite di tempo. Ne consegue che anche l’importo ottenibile non è altissimo e può arrivare a massimo qualche migliaia di euro.

Si tratta generalmente di piccoli prestiti in quanto gli istituti di credito tendono sempre a concedere più volentieri i prestiti contratto tempo determinato fino a che c’è la garanzia della busta paga, che allontana il rischio di probabile ritardo nei pagamenti o addirittura insolvenza.

Finanziamenti con busta paga a tempo determinato: il prestito con contratto a termine e garante

Nei casi in cui vuoi ottenere un prestito contratto determinato ma hai la possibilità di dare come garanzia quella della figura di un garante, puoi stare un po’ più tranquillo.

Il garante, la cui affidabilità creditizia viene attentamente esaminata al momento della stipula del contratto, deve farsi carico di ripagare le rate mensili di rimborso nel caso in cui tu non riuscissi più a sostenerle ed è proprio grazie a questa garanzia che ti è possibile richiedere anche un importo più cospicuo senza troppa difficoltà.

Per saperne di più leggi: “Prestito con garanzia

prestito con contratto determinato

Potrebbe interessarti leggere anche: “Finanziamento cointestato

Prestiti per lavoratori a tempo determinato: chi può richiedere un prestito con contratto tempo determinato?

Il finanziamento con contratto determinato è richiedibile da tutti coloro che hanno un contratto di lavoro riportante una scadenza fissa. Ma quali tipi di contratto rientrano in questa categoria?

  1. Contratti di lavoro temporanei
  2. Contratti di apprendistato (prestiti con contratto apprendistato)
  3. Contratti a part-time
  4. Contratti di inserimento (prestiti per neoassunti)
  5. Contratti a progetto (prestito con contratto a progetto)

Prestiti con contratto a termine: documenti e requisiti

Per avere maggiori possibilità di ottenere prestiti personali con contratto a tempo determinato è fondamentale, nel momento in cui ci si reca a compilare la domanda di finanziamento (si può fare sia online che direttamente in filiale), rispondere a tutti i requisiti necessari e avere a portata di mano tutta la documentazione utile.

Per quanto riguarda i requisiti dovrai:

  • avere la cittadinanza italiana o il permesso di soggiorno
  • avere un’età compresa tra 18 e 75 anni
  • essere intestatario di un conto corrente (su cui vengono accreditati i soldi)

Tra i documenti necessari, invece, ti segnaliamo:

  • documento identificativo
  • codice fiscale
  • documento attestante il reddito
  • contratto di lavoro