Cessione del Quinto e Pignoramento

Nonostante sia uno dei finanziamenti più richiesti da lavoratori e pensionati, ci sono ancora molti dubbi che ruotano attorno alla Cessione del Quinto a cui gli italiani non sempre sanno dare risposte precise. Uno di questi è sicuramente la correlazione tra Cessione del Quinto e pignoramento.

Se è in atto un pignoramento, si può richiedere e ottenere una Cessione del Quinto? E ancora, è possibile essere pignorati mentre si ha in corso una Cessione del Quinto dello stipendio o della pensione?




Continua a leggere l’articolo per ricevere una risposta esaustiva a tutte queste domande.

Che cos’è un pignoramento?

Il pignoramento è un atto contro chi non è stato in grado di rimborsare secondo le tempistiche e le modalità prestabilite un prestito o un finanziamento con cui si procede all’espropriazione forzata di alcuni beni di proprietà (anche lo stipendio o la pensione possono essere sottoposti a pignoramento).

Può capitare di trovarsi anche in situazioni di coesistenza del pignoramento e Cessione del Quinto. Cosa succede in questi casi? Ci sono dei limiti stabiliti per legge al pignoramento e alla trattenuta in busta paga? Se si, quali sono questi limiti?




Cessione del Quinto dello stipendio e pignoramento

Se sei un lavoratore e devi affrontare Cessione del Quinto e pignoramento, è importante sapere che può esserti pignorato solo il 50% della tua entrata mensile netta mentre il restante 50% è per legge considerato intoccabile perché necessario a garantire uno stile di vita quantomeno dignitoso.

Questo significa che per calcolare a quanto ammonta il pignoramento dello stipendio devi partire dalla metà netta del tuo stipendio e sottrarvi la quota che già cedi come Cessione del Quinto.

Facciamo un esempio pratico per capire meglio: se un lavoratore guadagna 1.000 euro netti al mese e cede un quinto di questa entrata (200 euro) per la Cessione del Quinto, il pignoramento massimo è di 300 euro (dato ottenuto dalla metà dello stipendio netto di 1.000 euro meno la quota ceduta, cioè 500 euro – 200 euro).

Potrebbe interessarti leggere anche: “Cessione del Quinto dipendenti pubblici” / “Cessione del Quinto dipendenti privati

Cessione del Quinto della pensione e pignoramento

Se, invece, sei un pensionato che deve rimborsare Cessione del Quinto e pignoramento, cosa devi sapere per calcolare a quanto ammonterà il tuo pignoramento?

Prima di tutto devi ricordare che, per legge, c’è una quota mensile di pensione che non ti potrà mai essere sottratta perché considerata necessaria per vivere. Per calcolare la soglia di pensione impignorabile dovrai partire dalla soglia minima di pensione, che nel 2021 ammonta a circa 515 euro, e aggiungere a questa cifra la sua metà. Il risultato che otterrai (772 euro circa) è, appunto, la parte di pensione che non ti potrà essere pignorata, ma il creditore potrà rifarsi sulla restante parte.

Per esempio, se un pensionato riceve 1000 euro netti di pensione al mese, dovrà sottrarre a questa cifra la parte su cui per legge non si può applicare il pignoramento e otterrà, così, la parte di pensione pignorabile. Dunque, 1000 euro – 772 euro = 228 euro pignorabili.

Se sei un pensionato potrebbe interessarti leggere anche: “Cessione del Quinto INPS“, “Cessione del Quinto pensionati fino a 90 anni” e “Cessione del Quinto Pensionati over 80

Cessione del Quinto e Pignoramento

Potrebbe interessarti leggere anche: “Assegno di mantenimento e Cessione del Quinto” / “Cessione del Quinto e tredicesima” / “Cessione del Quinto normativa” / “Segnalazione CRIF quanto dura

Cessione del Quinto pignoramento successivo

Cosa succede se hai già in corso un pignoramento e volessi cercare di ottenere in un secondo momento la Cessione del Quinto? Anche questa è un’opzione possibile, ma dovranno essere rispettati alcuni vincoli legati soprattutto agli importi.

In questo caso, infatti, la rata mensile va limitata alla differenza tra i due quinti dello stipendio netto e la quota pignorata. Cosa significa? Facciamo un ulteriore esempio per capire meglio.

Se un lavoratore guadagna 1500 euro di stipendio netto, dovrà calcolare i due quinti del suo stipendio (600 euro) e la quota pignorata, che, per legge, non potrà mai essere superiore al 20% dello stipendio e quindi 300 euro. Una volta ottenuti questi dati, per capire a quanto ammonta la rata massima cedibile attraverso Cessione del Quinto, basterà fare la differenza tra il doppio quinto e il pignoramento: 600 euro – 300 euro = 300 euro (quota massima della Cessione).

Potrebbe interessarti anche fare un calcolo rata Cessione del Quinto per capire a quanto ammonta l’importo che ti verrà sottratto ogni mese.

Cessione del Quinto pignoramento da parte di più creditori

Cosa succede se ci viene imposto un pignoramento da parte di più creditori? In questo caso si verificano due possibili scenari:

  • Se le motivazioni del pignoramento sono diverse, ti verrà eseguito più di un pignoramento sullo stipendio. Non preoccuparti, però, perché in ogni caso avrai sempre garantito almeno il 50% del tuo stipendio
  • Se le motivazioni sono uguali, invece, non si verificherà più di un pignoramento per volta. Questo significa che, solo una volta estinto il primo pignoramento, inizierai a pagare il successivo in coda.

Cessione del Quinto Equitalia

Un caso completamente a parte è costituito da Equitalia Cessione del Quinto. Se, infatti, devi affrontare una Cessione del Quinto e pignoramento Equitalia, il trattamento è leggermente diverso dalla norma e dipende dall’ammontare dell’entrata mensile del singolo soggetto.

  • Per stipendi o pensioni che arrivano a massimo 2500 euro pignorerà un decimo della cifra
  • Per stipendi o pensioni compresi tra i 2501 e i 5000 euro pignorerà un settimo dell’entrata
  • Solo nel caso di compensi superiori a 5000 euro pignorerà un quinto, come d’uso comune