Prestiti per Startup

Il tuo sogno è quello di avviare una startup che pensi abbia molto potenziale e sulla cui idea hai lavorato giorno e notte, ma i tuoi sogni sono messi a dura prova dalla mancanza di liquidità? Non farti fermare da questo inconveniente e risolvi il problema richiedendo dei prestiti per startup!

In questo articolo ti spiegheremo come fare per ottenerli e quali requisiti sono necessari per poterne richiedere uno. Se a fine lettura hai ancora dubbi o ulteriori domande da farci, lasciaci un commento e ti risponderemo nel minor tempo possibile.




Come funzionano i prestiti per startup?

Di fatto si tratta di agevolazioni pensate appositamente per aiutare ad avviare un’attività del tutto nuova e promettente. Infatti, rientrano sotto il nome di startup tutte quelle imprese costituite da pochissimo tempo che hanno la caratteristica di avere un business plan ben definito per il futuro e molto innovativo.

Per richiedere finanziamenti per startup bisogna partecipare ad un bando con scadenze annuali ben precise e presentare la richiesta di finanziamento entro le tempistiche in esso indicate. Durante il concorso per accaparrarti il finanziamento devi presentare il business plan della tua azienda, specificandone il piano di crescita per gli anni successivi e le spese da affrontare con l’importo ottenuto.

I finanziamenti per startup innovative sono emessi grazie a fondi pubblici erogati dall’Europa, dallo Stato o dalle singole Regioni con lo scopo di favorire lo sviluppo di attività imprenditoriali, soprattutto se queste sono portate avanti da giovani e donne e se aprono in aree del territorio poco sviluppate, arretrate o in cui c’è poca occupazione.




Potresti leggere anche: “Finanziamenti agevolati

prestiti per startup

Prestiti per imprese startup: requisiti necessari

Per partecipare al bando indetto per i prestiti per startup è necessario rispondere a dei requisiti ben precisi. Innanzitutto è importantissimo avere un business plan e un’idea imprenditoriale chiari e realmente realizzabili, senza i quali è molto difficile che tu possa essere selezionato tra i possibili vincitori del finanziamento.

Inoltre devi aver completato alla perfezione la procedura per avviare la tua attività. La legge prevede anche che tu sia iscritto al registro delle imprese, intestatario di partita iva e abbia costituito una società.

Infine, come avviene per qualsiasi tipo di prestito personale, devi:

  • avere un’età compresa tra i 18 e i 70 anni
  • avere un reddito dimostrabile
  • essere regolarmente residente in Italia
  • essere intestatario di un conto corrente, sul quale verrà addebitato l’importo del prestito
  • avere una forma di garanzia alternativa che copra sufficientemente l’importo da te richiesto

Quali tipi di prestiti per startup puoi trovare sul mercato creditizio?

I prestiti per startup più vantaggiosi sono i finanziamenti a fondo perduto perché prevedono che tu non restituisca affatto o solo in parte la cifra ottenuta.

Tra questi finanziamenti meritano una menzione particolare:

  1. Smart & Start di Invitalia, che rientra nella categoria dei prestiti per startup senza garanzie ed è interamente dedicato ai giovani
  2. Il finanziamento under 35 chiamato “Nuove imprese a tasso zero” di Invitalia, che è comodo e vantaggioso proprio per il fatto di essere un prestito a tasso zero. Questo prestito si rivolge in particolar modo alle startup femminili e copre fino al 75% delle spese che dovrai sostenere per la tua azienda
  3. I prestiti Mise, per i quali è necessario avere la licenza o il libretto

Infine, ti segnaliamo due prestiti che non rientrano nella categoria dei prestiti a fondo perduto ma sono ugualmente vantaggiosi:

  1. Il prestito startup di Unicredit, grazie al quale potrai ottenere fino a 100.000 euro da restituire in massimo 7 anni
  2. Il prestito startup proposto da Intesa San Paolo, che pur essendo erogato da una banca privata è concesso e garantito tramite fondi pubblici