Mutuo Inpdap

Hai mai sentito parlare di mutuo Inpdap? Si tratta di un finanziamento a condizioni agevolate che l’Inps (ex Inpdap) concede a lavoratori pubblici o statali e a pensionati per l’acquisto di un immobile nuovo o la ristrutturazione di uno vecchio già in proprio possesso.

Se sei interessato ad avere maggiori informazioni sull’argomento, continua a leggere il nostro articolo in cui ti spiegheremo nel dettaglio come funziona questo tipo di mutuo e chi può richiederne uno.




Chi può richiedere i mutui Inpdap?

Gli Inpdap mutui sono riservati a tutti i lavoratori iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici che risultano ancora in attività di servizio con un contratto di lavoro a tempo indeterminato e a tutti i pensionati iscritti da almeno un anno alla Gestione Unitaria Autonoma delle prestazioni creditizie e sociali.

Per cosa si può accendere un Inpdap mutuo?

Sono poche le motivazioni per cui il mutuo Inpdap ti può essere concesso in quanto viene erogato solo per:

  • l’acquisto di un bene immobile non di lusso destinato a diventare abitazione principale
  • la surroga di un mutuo prima casa già sottoscritto con un altro istituto di credito

A tal proposito potrebbe interessarti leggere anche: “Mutuo prima casa




A partire dal 2019 l’Inps ha aggiunto altre due obiettivi per cui è possibile avanzare la richiesta di mutuo:

  • ristrutturare, fare manutenzione o sistemare la casa di proprietà
  • acquistare o far costruire un box o un posto auto, a patto che questo venga usato come pertinenza della casa di proprietà e si trovi a non più di 300 metri da essa

A tal proposito leggi anche: “Prestito casa” / “Prestito ristrutturazione casa

Surroga mutuo Inpdap: cos’è e caratteristiche

La surroga del mutuo consiste nel trasferire il mutuo dall’istituto di credito in cui è stato originariamente acceso ad uno nuovo.

Nel caso dei mutui INPS ex Inpdap la banca subentrante si fa temporaneamente carico del tuo debito per darti la possibilità di modificarne le condizioni di rimborso scegliendo tassi di interesse e uno spread più bassi, una durata più adatta alle tue esigenze personali e delle tasse più in linea con la tua possibilità economica.

L’unico aspetto che non può essere cambiato con la surroga è l’importo del mutuo, che deve per forza corrispondere al debito residuo che hai nei confronti dell’istituto di credito originario. Questo significa anche che non ti è permesso richiedere nuova liquidità perché tanto non ti viene concessa.

Richiedere la surroga mutuo Inpdap è del tutto gratuito, ma ricordati che questa opzione non comporta solo il trasferimento del mutuo ma anche dell’ipoteca e dell’assicurazione che garantiscono il prestito.

Di argomento simile leggi anche: “Sostituzione mutuo

Mutuo Inpdap

Regolamento mutuo Inpdap

Per ottenere un mutuo prima casa Inpdap è necessario che né tu che stai facendo richiesta di finanziamento né i membri del tuo nucleo familiare risultiate già proprietari di un’abitazione sul territorio nazionale.

Altri requisiti importanti per richiedere Inpdap mutui prima casa sono:

  • che l’abitazione sia immediatamente libera e disponibile
  • che l’abitazione sorga sul territorio italiano
  • che l’abitazione funga da luogo di residenza tuo e del tuo nucleo familiare per i successivi cinque anni
  • che l’abitazione sia libera da garanzie reali

Puoi anche richiedere in qualsiasi momento di usufruire della rinegoziazione del mutuo Inpdap ricontrattandone le condizioni direttamente con l’ente.

Importi massimi erogabili e tasso mutuo Inpdap

Usufruendo di un mutuo Inpdap puoi ottenere massimo 300.000 euro da rimborsare in un lasso di tempo personalizzabile di minimo 5 e massimo 30 anni. Ti ricordiamo, però, che se hai più di 65 anni non puoi richiedere un piano di ammortamento superiore ai 15 anni.

La liquidità ottenibile scende a 150.000 euro nel caso di mutui ristrutturazione Inpdap e a 75.000 euro nel caso in cui volessi comprare un box.

In tutti questi casi il tasso mutui Inpdap può essere sia fisso sia variabile e viene stabilito direttamente dall’INPS in base al rapporto tra il mutuo e il valore dell’immobile ipotecato.

Come fare richiesta mutuo Inpdap?

La domanda per avere un mutuo Inpdap può essere inviata solo per via telematica e in alcuni precisi periodi dell’anno: 1-10 gennaio, 1-10 maggio e 1-10 settembre.

Ma cosa devi fare di preciso? Ti basta caricare tutti i documenti necessari correttamente compilati e firmati sul sito dell’INPS e aspettare di ricevere una risposta che di solito arriva entro pochi giorni lavorativi.

L’INPS prende in considerazione tutte le richieste ricevute tranne quelle incomplete che diventano automaticamente invalide. Se il budget a disposizione dell’ente non dovesse essere sufficiente a coprire tutte le domande ricevute, viene stilata una graduatoria per procedere con l’elargizione della liquidità.

Simulazione mutui Inpdap – Preventivo mutuo Inpdap

Grazie al simulatore mutuo Inpdap che trovi qui sotto puoi fare un calcolo mutui Inpdap personalizzato sulla base delle tue esigenze personali e ottenere un preciso calcolo rata mutuo Inpdap.

Calcolatrice credito Calcolatrice ipotecaria
Calcolatrice ipotecaria
%
anni
%
€ all'anno
€ all'anno
%
Mutuo Inpdap

In alternativa puoi fare una simulazione mutuo Inpdap per conoscere l’ammontare delle rate comprensive di quota capitale e quota interessi utilizzando la calcolatrice mutui online che ti permette di sapere se il mutuo è troppo oneroso o adatto alle tue capacità finanziarie di rimborso.

Cosa aspetti? Calcola rata mutuo Inpdap!